Emergenza coronavirus: L’apicoltura è essenziale

“…..Anche i titolari di un solo alveare, pertanto, poiché sono tenuti a rispettare tutte le regole vigenti – a cominciare dalla denuncia di possesso degli alveari e loro iscrizione alla Banca Dati dell’Anagrafe Apistica Nazionale, con questo concorrendo all’espressione di una attività agricola, in tal caso appunto l’Apicoltura – sono a buon diritto partecipi di un’attività essenziale a prescindere dalla dimensione dell’impresa. Un’attività, peraltro, che la legge italiana definisce inequivocabilmente “come di interesse nazionale utile per la conservazione dell’ambiente naturale, dell’ecosistema e dell’agricoltura”.

Continua a leggere:

http://www.federapi.biz/index.php?option=com_content&task=view&id=1488&Itemid=1

Indennità per lavoratori autonomi e operai agricoli a tempo determinato

A TUTTI GLI ASSOCIATI

Come noto, la Gazzetta Ufficiale della Repubblica, n. 70, del 17 marzo 2020, ha pubblicato il Decreto Legge 17 marzo 2020, n.18, concernente anche diverse provvidenze di sostegno economico a seguito dell’emergenza epidemiologica.

Di seguito riportiamo alcune riguardanti indennità per lavoratori autonomi e operai agricoli a tempo determinato , con riserva, comunque di ritornare in argomento, quando diverse previsioni del decreto saranno chiarite definitivamente,

anche a seguito della sua conversione in legge del Parlamento.

È riconosciuta un’indennità pari a 600 euro per il mese di marzo 2020 in favore dei lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali INPS (coltivatori diretti/IAP, artigiani e commercianti) e degli operai agricoli a tempo determinato che abbiano effettuato almeno 50 giornate di lavoro nel 2019.

Analoga indennità è riconosciuta ai professionisti e ai collaboratori coordinati e continuativi iscritti alla cd. “Gestione separata INPS”.

Tali indennità sono erogate dall’INPS su richiesta (appena saranno disponibili le procedure dell’Istituto) e non sono tra loro cumulabili.

Art. 30 (Indennità per operai agricoli a tempo determinato)

Agli operai agricoli a tempo determinato, non titolari di pensione, che nel 2019 abbiano effettuato almeno 50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo, è riconosciuta un’indennità pari a 600 euro per il mese di marzo 2020.

L’indennità non concorre alla formazione del reddito ed è erogata dall’INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 396 milioni di euro per l’anno 2020.

Art. 28 (Indennità per lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali INPS)

La norma riconosce un’indennità pari a 600 euro per il mese di marzo 2020 ai lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’assicurazione generale obbligatoria, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie (ad esclusione della gestione separata INPS).

Destinatari dell’indennità sono i coltivatori diretti/IAP, gli artigiani e i commercianti iscritti alle relative gestioni INPS.

L’indennità non concorre alla formazione del reddito ed è erogata dall’INPS, previa domanda, nel limite di spesa massimo complessivo di 2.160 milioni di euro per l’anno 2020.

Art. 27 (Indennità per professionisti e co.co.co iscritti alla gestione separata INPS)

È riconosciuta un’indennità pari a 600 euro per il mese di marzo 2020 in favore dei liberi professionisti titolari di partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 e dei lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data, iscritti alla Gestione separata, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria.

L’indennità non concorre alla formazione del reddito ed è erogata dall’INPS su domanda. È previsto un limite massimo di spesa di 203,4 milioni di euro per l’anno 2020.

Art. 31 (Incumulabilità tra indennità)

Le indennità di cui agli articoli 27 (professionisti e iscritti alla gestione separata), 28 (lavoratori autonomi iscritti nelle gestioni speciali INPS), 29 (lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali), 30 (operai agricoli a tempo determinato) e 38 (lavoratori dello spettacolo) del decreto legge in commento non sono tra loro cumulabili e non sono altresì riconosciute ai percettori di reddito di cittadinanza.

Comunicazione ai soci

Caro socio
Dato il perdurare della situazione del coronavirus e in linea con le direttive del governo italiano, riteniamo di limitare al minimo i contatti tra le persone ed è per questo che decidiamo di chiudere l’ufficio a partire da giovedì  19 Marzo. Comunque in orari di ufficio garantiamo il caricamento degli spostamenti e modelli C per l’aggiornamento della BDA, comunicati tramite telefono al 0583/57525 o per mail  info@toscanamiele.it oppure a toscanamiele@yahoo.it, e per qualsiasi altra informazione rimaniamo a disposizione, seguiranno mail di aggiornamento sull’operatività dell’Associazione.

Fiduciosi che questo momento passerà presto
Un caloroso saluto a tutti

                                                                                            Il Presidente
                                                                                       Manlio Antoniotti

Coronavirus: aggiornamento per apicoltori

Il DPCM 11 MARZO 2020, all art. 1 (misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale) così recita:
Comma 4. Restano    garantiti,    nel    rispetto    delle     norme
igienico-sanitarie,  i  servizi  bancari,  finanziari,   assicurativi
nonche’   l’attivita’   del   settore   agricolo,    zootecnico    di
trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne  forniscono
beni e servizi.
Toscana miele invita comunque gli apicoltori a seguire le norme per gli spostamenti in vigore su tutto il territorio nazionale, reperibili sui siti ufficiali del governo e dei ministeri interessati, oltreché ad informarsi direttamente alle forze dell’ordine e alle autorità locali.

Chiusura ufficio 9 marzo/14 marzo

INFORMAZIONE AGLI ASSOCIATI

CONSIDERATA LA SITUAZIONE DI ALLERTA PER LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS E AL FINE DI PREVENIRE POSSIBILI OCCASIONI DI CONTAGIO L’UFFICIO DELL’ASSOCIAZIONE RIMARRA’ CHIUSO AL PUBBLICO :

DAL LUNEDì 9 MARZO FINO A SABATO 14 MARZO COMPRESO :

CONTINUEREMO A FORNIRE UN SUPPORTO AGLI ASSOCIATI NEGLI ORARI DI UFFICIO TRAMITE :

1)VIA TELEFONO 3498498070 (FRANCESCO)

2) VIA MAIL info@toscanamiele.it oppure toscanamiele@yahoo.it

3) RIVOLGENDOSI CONSIGLIERI DI ZONA

Eventuali aggiornamenti seguiranno: mail, comunicazioni sui gruppi W.A. ,sul sito www.toscanamiele.it, sul gruppo Facebook

Il Presidente
Manlio Antoniotti

Sospensione incontri Toscana Miele

Carissimi soci
Come già siete venuti a conoscenza dai media siamo a sospendere tutte le attività dell’Associazione Toscana Miele in programma in questa e nella prossima settimana come sotto riportato:

Corsi base
Avenza 06/03/2020
Prato e Pistoia 11/03/2020
Assemblee parziali
Pistoia 05/03/2020
Pisa Livorno e Grosseto 13/03/2020
Versilia 13/03/2020
Prato 13/03/2020
Riunioni di zona
Pistoia 05/03/2020
Pisa Livorno e Grosseto 13/03/2020
Versilia 13/03/2020
Prato 13/03/2020
Corso di Primo livello Lucca
14/03/2020
Corso linee guida Lucca
14/03/2020

In caso di proroghe al 15 marzo 2020 seguiranno aggiornamenti